LA BATTAGLIA DEI TRE MONTI Visualizza ingrandito

LA BATTAGLIA DEI TRE MONTI

P. Volpato

22,00 €

1917-1918 Altopiano dei Sette Comuni Monte Val Bella, Col del rosso e Col d’Echele

  • Codice: 123G091
  • ISBN: 9788832239171
  • Autore: P. Volpato
  • Editore: Itinera Progetti
  • Note: 107 fotografie in b/n
  • Formato: 16 x 24
  • Lingua: Italiano
  • Rilegatura: Brossura
  • Pagine: 234
  • Anno di pubblicazione: 2021

Al momento non disponibilie

Avvisami quando disponibile


Ai sensi del Regolamento UE 2016/679, compilando ed inviando questo form, dichiaro di avere preso visione dell’informativa e di acconsentire al trattamento dei miei dati personali, nei limiti e per le finalità indicati nella Privacy Policy

Codice: 123G091
ISBN: 9788832239171
Autore: P. Volpato
Editore: Itinera Progetti
Note 107 fotografie in b/n
Formato 16 x 24
Lingua Italiano
Rilegatura Brossura
Pagine 234
Anno di pubblicazione 2021

L’ultimo anno di guerra sull’Altopiano dei Sette Comuni vide concentrarsi i combattimenti su tre modeste alture: il Monte Val Bella, il Col del Rosso e il Col d’Echele, comunemente noti come “Tre Monti” e racchiusi fra gli abitati di Asiago, Gallio e Foza. Su queste cime tra la fine del 1917 e il 4 novembre 1918 per ben tre volte l’Esercito italiano e l’Esercito austro-ungarico cercarono una via per concludere il conflitto. Surclassati nell’immaginario collettivo dal Monte Grappa e dal Piave, i “Tre Monti” furono altrettanto importanti nel contesto bellico del fronte italiano, tanto che entrambi i comandi vi schierarono i migliori reparti, tra cui la celebre Brigata Sassari, i temuti fanti della Brigata Toscana, gli Arditi ed i Bersaglieri, sicuri di piegare finalmente il fiero avversario.
Il volume ripercorre la storia di queste grandi unità, attraverso testimonianze di ufficiali italiani, ma anche austriaci, ungheresi, francesi, inglesi, cechi, slovacchi e sloveni, perché su questo fazzoletto di terra si concentrarono i rappresentanti dei popoli di mezza Europa.Il testo accoglie anche la storia personale di tanti giovani soldati, alcuni Caduti in quei mesi di guerra, altri sopravvissuti portando con sé una cicatrice nell’anima che non si rimarginerà più. Sono storie nella Storia, altrettanto importanti perché danno volto e voce ad una generazione, anche attraverso un ricco apparato fotografico di oltre cento fotografie.