CAVALLERIA LIBICA Visualizza ingrandito

CAVALLERIA LIBICA

G.Zorzetto

20,00 €

Appunti di uniformologia – Quaderno n.4

(1911-1943)

  • Codice: 182H001-4
  • ISBN: 9788890543869
  • Autore: G.Zorzetto
  • Editore:
  • Note: Interamente a colori
  • Formato: 21 x 29,7
  • Lingua: Italiano
  • Rilegatura: Brossura
  • Pagine: 92
  • Anno di pubblicazione: 2020

Codice: 182H001-4
ISBN: 9788890543869
Autore: G.Zorzetto
Editore:
Note Interamente a colori
Formato 21 x 29,7
Lingua Italiano
Rilegatura Brossura
Pagine 92
Anno di pubblicazione 2020

L’opera prende in esame le uniformi in uso alla Cavalleria Libica dalle origini di questa specialità, ovvero già durante il conflitto italo-turco, fino alla seconda guerra mondiale, quando vennero disciolti gli ultimi reparti ancora in attività. In Libia i reparti montati, a differenza delle altre colonie, trovarono fin da subito solide ragioni d’impiego, sia per le caratteristiche del territorio che per la tradizionale abilità nell’impiego del cavallo da parte delle popolazioni arabo-berbere.  Gli Squadroni Savari e i Gruppi Spahis ricoprirono, negli anni intercorsi dalle prime occupazioni fino alla cattura del suo maggiore esponente Omar el Muchtar (portata a termine nel 1931 dal 7º Squadrone Savari della Cirenaica), un ruolo operativo di primo piano, distinguendosi in numerosissimi combattimenti. Forte di questa tradizione, la Cavalleria Libica prese parte anche alla campagna etiopica, con un Raggruppamento Spahis che venne aggregato al II Corpo d’Armata operante sul fronte eritreo, e con un Plotone di Savari. Con il completamento della rioccupazione integrale della Libia, negli anni Trenta i reparti di cavalleria vennero gradualmente ridotti di numero e negli organici, trovando l’ultimo impiego in attività di ricognizione e di sorveglianza delle regioni dell’interno, durante la seconda guerra mondiale.

DELLA STESSA SERIE CLICCA SUL LINK:

BANDE REGOLARI E IRREGOLARI

PENNE DI FALCO

XLIV BATTAGLIONE COLONIALE

CAVALLERIA LIBICA 1911-1943