GERMAN MACHINE GUNS Visualizza ingrandito

GERMAN MACHINE GUNS

F.Buchholz – T.Bruggen

103,00 €

Development, Tactics and Use from 1892 to 1918

  • Codice: 449A015
  • ISBN: 9783902526960
  • Autore: F.Buchholz – T.Bruggen
  • Editore: VERLAG MILITARIA
  • Note: Circa 1000 foto a colori, b/n e illustrazioni
  • Formato: 24,5X29
  • Lingua: Inglese
  • Rilegatura: Rilegato Con Sovracc.
  • Pagine: 520

Attenzione: Ultimi articoli in magazzino!

Codice: 449A015
ISBN: 9783902526960
Autore: F.Buchholz – T.Bruggen
Editore: VERLAG MILITARIA
Note Circa 1000 foto a colori, b/n e illustrazioni
Formato 24,5X29
Lingua Inglese
Rilegatura Rilegato Con Sovracc.
Pagine 520

Dopo il periodo pionieristico di queste armi, con lo scoppio del grande conflitto nel 1914, la guerra industrializzata portò all'uso massiccio di mitragliatrici. I mitragliatori divennero i veri pilastri del combattimento di fanteria. Con l'avvento dei nuovi metodi di fabbricazione Romberg e l'introduzione della standardizzazione nel montaggio si verificò una decuplicazione dei pezzi creati mensilmente. Oltre alle mitragliatrici standard MG 08 e MG 08/15, il libro studia le varianti Luft-MG 08 e 08/15, la MG 08/18 sfocianti nello sviluppo della serie Maxim e i rarissimi modelli Parabellum M 1913, M 1913/17, la Dreyse, la Bergmann alter Art e i modelli Neuer Art e la mitragliatrice anticarro e antiaerea. In più si considerano il fucile autocaricante Mondragón e la carabina autocaricante Mauser, non armi automatiche ma tuttavia usate dall'aeronautica tedesca. Infine si descrive la Maschinenpistole 18, che, poco prima della fine della prima guerra, che per la prima volta fece sì che una mitragliatrice fosse maneggiata come arma portatile.

“The artillery shapes the battlefield—machine guns defend it!” This sentence characterises the battles of materiel fought during the First World War like almost no other. After the outbreak of war in 1914, the revolutions in armaments of the late 19th and early 20th centuries resulted in industrialised warfare, which was marked in particular by the use of machine guns—and artillery. This illustrated book ,that is published by the renowned Verlag Militaria ,with 520 pages and ca.1000 photos and illustrations traces the development of German machine guns and graphically depicts why they became the most feared infantry weapons of the First World War.